Pagina:Il tesoro.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 60 —


— Forse non ne ebbe il tempo.

— E allora perchè, sapendo ciò che l’aspettava, non restò qui e non fece venir sua figlia? È una sciocchezza: io non ci credo!

— Ma! — disse Giovanna. — Tu dici ogni cosa, tu credi e non credi! Che ti faccio io?

— E del resto! Prepariamo la risposta; tentare non nuoce.

— Io ci credo, io ci credo! — affermò convinta Giovanna, levandosi ritta. — Andiamo nello studio.

Entrarono nello studio. Cosimo era a caccia, e quindi le signorine si presero la più ampia libertà davanti alla sua grande e ingombra scrivania, dove la carta bollata guardava in cagnesco le trionfanti carte musicali, manoscritte e stampate, e dove i romanzi opprimevano i codici in modo indegno....

— Perchè non lo diciamo a Cosimo? — domandò Giovanna, mettendosi a scrivere.

— Ne riderebbe come Salvatore Brindis, e manderebbe tutto per aria. Glielo diremo più tardi. Scrivi — disse Elena.

Appoggiò i gomiti alla scrivania, ed esaminando un manoscritto di musica, cominciò a dettare. Giovanna scriveva accuratamente, ripetendo l’ultima parola scritta quando Elena si fermava, e sentiva una certa trepidazione, quasi stesse compiendo un alto solenne.

Il che non impedì ad Elena di gridarle: