Pagina:Il tesoro.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 86 —


Lyly che giocò sotto il divano, arrotolò un angolo di tappeto, e si mise a far capitomboli meravigliosi. Giovanna battè il piede per farlo uscire, e siccome Lyly non intese con le buone, ella lo prese per un orecchio e lo mandò via.

Paolo esclamò:

— Poverino! — E difese questa razza di animali graziosi e calunniali; il che accrebbe il dispetto di Giovanna che prese un contegno gelido e stizzoso di bimba viziata, e nonostante il suo bel vestito e le sue scarpine, quella sera riuscì molto antipatica a Paolo.

Egli se ne andò tardi, ma la visita non lo lasciò, come le altre volte, soddisfatto; e appena fu uscito, Giovanna cominciò a parlar con amarezza di lui.

Elena restò tranquilla, e disse:

— Lo avevo detto io? Ora sei contenta?

— Ma che razza d’uomo è Cosimo? — esclamò poco dopo. — Disse che ieri sera aveva conversato a lungo in francese con Paolo, mentre Paolo ci ha detto di non averlo avvicinato da due settimane.

— Chi sarà il bugiardo? — domandò Giovanna. E la domanda restò senza risposta.