Pagina:Iliade (Monti).djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ILIADE

______



LIBRO SESTO


ARGOMENTO

Ritiratisi gli Dei, i Greci mettono a morte molti de’ Troiani. Ettore, consigliato da Eleno suo fratello, ritorna in Troia, onde fare che Ecuba, raccolte le matrone nel tempio di Minerva, offra alla Dea un peplo, e le prometta de’ sacrifizi perchè allontani dalla pugna Diomede. Incontro di questo eroe con Glauco. Loro colloquio. Essendosi riconosciuti ospiti, si separano dopo aver fatto il cambio delle armature. Ecuba e le matrone si avviano al tempio di Minerva. Ettore ed Elena rimproverano a Paride la sua codardia. Questi si dispone di ritornare alla pugna. Incontro, colloquio e tenera separazione di Ettore e di Andromaca. Pittura di Astianatte. Ettore e Paride escono nel campo.


Soli senz’alcun Dio Teucri ed Achei
Così restaro a battagliar. Più volte
Tra il Simoenta e il Xanto impetuosi
Si assaliro; più volte or da quel lato
Ed or da questo con incerte penne5
La Vittoria volò. Ruppe di Troi
Primo una squadra il Telamonio Aiace,
Presidio degli Achivi, e il primo raggio
Portò di speme a’ suoi, ferendo un Trace
Fortissimo guerriero e di gran mole,10
Acamante d’Eussóro. Il colse in fronte
Nel cono dell’elmetto irto d’equine