Pagina:Iliade (Monti).djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
258 iliade libro decimo v.693

L’accorto Ulisse, agevolmente un Dio
Potría darli, volendo, anco migliori,
Chè gli Dei ponno più d’assai. Ma questi,695
Di che chiedi, son traci e qua di poco
Giunti: al re loro e a dodici de’ primi
Suoi compagni diè morte Dïomede,
E tredicesmo un altro n’uccidemmo
Dai teucri duci esplorator spedito700
Del nostro campo. - Così detto, spinse
Giubilando oltre il fosso i corridori,
E festeggianti lo seguîr gli Achivi.
Giunto al suo regio padiglion, legolli
Con salda briglia alle medesme greppie705
Ove dolci pascen biade i corsieri
Dïomedéi. Ulisse all’alta poppa
Le spoglie di Dolon sospende, e a Palla
Prepararsi comanda un sacrificio.
Tersero quindi entrambi alla marina710
L’abbondante sudor, gambe lavando
E collo e fianchi. Riforbito il corpo
E ricreato il cor, si ripurgaro
Nei nitidi lavacri. Indi odorosi
Di pingue oliva si sedeano a mensa715
Pieni i nappi votando, ed a Minerva
Libando di Lïéo l’almo licore.