Pagina:In Valmalenco - Noli Giuseppe, 1907.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 156 —


Insomma, finisco per afferrare un verde inffiatoio, e dirle:

“Andiamo a trovar la felce, allora!”

La felce è presto trovata ed inaffiata. Ci volgiamo per ritornare, folleggiando, come sempre, quando Ninì mi chiede a bruciapelo:

“Che cosa c’è per me, se tocco il cembalo e ti faccio riudire il notturnino di Chopin?”

“Un bacio...” rispondo subito, scherzevole, mentre ella accoglie le parole con uno scroscio argentino di risa....

“Sì, sì; ma se tu hai il coraggio di sfiorarmi appena, ti mordo....”

È uno scherzo!


[immagine da inserire]