Pagina:In morte di Lorenzo Mascheroni.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(97)

parabola, e i rapporti della sfera col cilindro. Della quale ultima scoperta egli stesso compiacquesi tanto che la volle incisa sul suo sepolcro; lo che servi d’indizio a Cicerone per iscoprirlo, siccome egli stesso racconta nelle Tuscolane l. 5, § 23.


Pagina 21


Seco è il Calabro antico . . . .

* Filolao nativo della Magna Grecia e discepolo di Pitagora. Fu il primo ad insegnare il sistema ora detto Copernicano.


Ivi


. . . . . . . e del mio figlio
La sognata caduta ancor deride.

Fetonte fulminato.


Pag. 22


Qui Cassin . . . . . .

* Cassini chiamato l’oracolo del Sole, diede una teoria completa sul movimento delle macchie solari, e parlò più sensatamente d’ogni altro della paralasse del sole, elemento principale di tutta l’astronomia.


Ivi


Qui Bianchin, qui Riccioli . . . .

Monsignor Bianchini vescovo di Verona e il P. Riccioli gesuita, celebri astronomi, i quali applicarono le osservazioni degli astri alla storia umana, il primo colla sua erudita istoria provata dai monumenti e l’altro colla sua cronologia riformata, tenuta in grande estimazione.