Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


La li beralità. Il Piemóte dominato feliciffitnamence dal Serenils. Sign. Duca di Sauoia. 3 t LIBRO E poi! a in opra ogn’hor fina la fine, e’nfieme ancor di vigilanza eftrema, Ond’hebbsl buon Guerrier corona, e palma. A l’altier lito la superba natte Giunta, e gettate l’anchore nel porto,

  • Triache n^usciffè alcun, fu chi richiese

DU la saggia de l’Isola Reina Mandato per saper, Jjhtalfojfi’l legno Ond’ei njeniffe., e chi ne haueffi impero, 6 ciò, ch’ei sì lontan cercando gì(fé. A cui la bella algran gouerno affisa Con cortese parlar così rispose. Amico, di la doue allenta, e (ìrmgs Freno soaue à popoli felici SPIRTO REAlylacuiraravirtute Le cime infiora, e i Piè de t dWontiingemma, E’I letto, e l’onde de la Dora indora, Partimmo noi sott’a la fida scorta {la. Del saggio Heroetcb’ET HEREO’l Modo appelli aro altrettanto t epm di GRÒ310 al nome, Tratto qui sol d’alto defio d’honore Per riportarla ricca aurata spoglia, Che Vi fi guarda, al suo paterno ho fletto, 0 per lasciarne dfier cuftodt in preda La, senza pregio taf mn cara vita i Tacque