Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


PRIMO. 4 i Le f acre leggi, e le ragioni inuitte, (on degna autorità Jedere ilfero. J$umdt à Pifjtano ’RJ, non meno herede Del granfaper delgloriofo farlo, Che de le tante jue Vrouincie, e %egni, Vece p a JJaggio: edei sì taro ihebbe, E tal moflrò del ’valorfitto memoria 9 E de L’anticafuaprouata fiede, Ch’ai T{è Franco, alSueto,al ( Dano, al Mafia E grane, e grato MeJJagger mandollo. Tornò di pregi pien, dì laudi carco» Ne fiposò s che’n mar di nono entrato Vfiè la grande Tir et agno, pofi’lpiede. Magia no’l vi fermò: che p avite in Francia Il richiamafie inuidiofa Stella. «Ahi più ch’altro gì amaifiero, iniquo Tradimento crudel spiti fera, e cruda C olei, chef volle, e’I nobil Peregrino In forte torre, e ria prefio rinchiufie. Ma non andò lunga plagione altera

  • 1)61 empio fatto la fiuperba Donna
  • Del chiaro nome di Reina in degnai

Che l coraggiofò tìeroe da L’alta cima Scefe nel mare, ond’era intorno cinto, Ou anco Sìaua ognhor trireme armata F Ter Il Rè di Spagna manda’1 Gromo Amba* (datore à diuè rii Rè. Li Rdna di n# «arra fà prigio ne*i Giorno,e*l rinchiude nella Arredi Me lufina»