Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


4^ LIBRO De la gran tMadre vna ve riha sì cara, E bella sì, eh a par di fina beliate U principi! fi.glUjdeiia. Na- Costei Salute e detta, e forfè quando. ls fa °’* Vtde l’altro Giafin Cantica (folco Allude al no- ^ et ^* nomo ffi * e ’l nome bebbe l’erigo me di Medea, ’Dal Medicar, ch’ella sì ben fapea, noSmir 3 e L’altruigraue incurabile vecchietta, Onde al fior ritorno degli Anni Tifone. QueHa non prima il bel fembiante vide Del buon Guerriero, elgran valor nvdìo, Ch’auampo di magnanimo defire Di non lafciar perir tanta virtute. E de le ferue fite tratta in di (far te mftSdlaTa- La P lu Sobrietà s appella, Iute.è la fobrie A lui ne và, che con ardir s’accinge A la feroce, e perigliosa pugna: E dagli (di (fé) ond’ei negraui’l collo, Con la pacieri- ueflo di pattenga a (prò monile, za^i vmee ©gru (fialfuofermo Volerfoauefia. Ne vano incontro * ò Tirano rifeo tema. Altro de l amor mio premio non cheggio Dal Vmcitor.filo di megli caglia. Quella iltutto effeguì con gaudio accolta e di