Pagina:Inni di Callimaco.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

31

Traggi qui de’ celesti in mezzo il coro,
     Nel soglio suo t’invita ogni immortale,
     Tu siedi presso del fraterno alloro.

205Quando per te le ninfe aprono l’ale
     Presso i fonti d’Inopo, o i cervi aggioghi
     Per l’are visitar di Limna o d’Ale,

Con cui mutasti i detestati luoghi
     Della Scitica Tauri e il ríto diro,
     210Ad arator non crederò miei gioghi;

Fosse quantunque il buon seme d’Epiro
     Madre di tauri alle robuste corna,
     Infermi tornerian dal lungo giro;

Le belle danze a vagheggiar soggiorna,
     215E tardi il Sol la sua quadriga inchina
     In mar di occaso, e lungamente aggiorna.

Qual pendice di mare, o qual collina
     Più ti diletta, o dea, quai porti o ville?
     Qual ninfa avere o semidea vicina?

220Tu lo mi narra, io ridirollo a mille:
     Ami il porto d’Euripo anzi ogni seno,
     In cui giaccion di mare onde tranquille,