Pagina:Inni di Callimaco.djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHIOMA
DI BERENICE






Io che sono del ciel lucente raggio, 1
     Di Berenice fui la chioma bella;
     3Di me si accorse quel famoso Saggio,

Che discerne del mondo ogni fiammella,
     E sa l’ora che fugge, e che si affaccia
     6Alle porte del ciel ciascuna stella,

Sa qual velame al Sol cuopre la faccia,
     E come Amor soavemente atterra
     9Diana in Latmo dall’eterea traccia.

Già vincitor della notturna guerra
     E dei premj d’Amor, le schiere avverse
     12Volgeva ai danni dell’Assira terra