Pagina:Inni di Callimaco.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

79

Esser dovessi pur dalla nemica
     Lingua degli astri amaramente punta,
     78Non starò per temenza, ch’i’ non dica:

Tanto non m’allegrò l’essere assunta
     Alla volta del ciel, quanto m’increbbe
     81Dal capo di colei starmi disgiunta,

La qual nel tempo, che laggiù s’accrebbe
     Verginella con me, tanti mi diede
     84Soavi odor quantunque altra non ebbe.

O voi, che al dì delle giogali tede
     Siete venute, innamorate spose,
     87Con saldo petto alla giurata fede,

Il casto vel delle secrete cose
     Non rimovete pria, che porte m’abbia
     90Vostra pudica man mirre odorose;

(Di colei, ch’ebbe le spergiure labbia
     Contaminate d’inconcesso amore,
     93I mal proferti don beva la sabbia,

Rifiuto i don di temerato core)
     Se Concordia con voi sempre soggiorni,
     96E con voi vegna eternamente Amore.