Pagina:Invernizio - La trovatella di Milano, Barbini, Milano, 1889.djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100


era stato comprato per indurlo a ritirare all’udienza la sua deposizione. Ma come scoprirlo? Malgrado le ingiunzioni severe del presidente, la minaccia della pena severa per falsa testimonianza, il domestico giurò di nuovo che ormai diceva la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità!

La sfilata dei testimoni non fu lunga, nè importante, tuttavia per ultimo, quando la voce formidabile dell’usciere, annunziò l’Annetta Durini, la madre dell’accusata, un mormorio, un fremito si sparse nell’uditorio, mentre il viso di Maria esprimeva la più grande costernazione...

Sua madre testimone? Che avrebbe detto? Aveva dunque ricuperata la parola? Era guarita?

Il cuore le batteva fino a spezzarsi, perdette la sua presenza di spirito, tremò, ebbe paura del primo sguardo di quella madre offesa, oltraggiata nell’onore, che tanto aveva sofferto, pianto per cagion sua.

La popolana entrò portata sopra una sedia da due robusti infermieri dell’ospedale.

La sua fisonomia mostrava l’impronta di tutti i dolori provati, esprimeva ad un tempo l’angoscia e la pietà. Le guancie incavate, le narici emaciate, le rughe profonde delle tempia e della bocca, gli occhi spenti, i capelli incanutiti, tutto le dava un aspetto da stringere il cuore.

La folla che aveva accolta la sua entrata con un mormorio di compassione, quando vide brillare sul petto di lei la medaglia al valore e conobbe di aver dinanzi un’eroina delle famose cinque giornate, scoppiò in un formidabile applauso.