Pagina:Invernizio - La trovatella di Milano, Barbini, Milano, 1889.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

123

— Volete che preghiamo insieme sulla tomba di quella martire? — mormorò...


Il conte Patta, dopo la morte di Adriana, tentò altri passi verso Maria, sperando d’indurla a più miti consigli.

Ma la giovine si mostrò meno clemente della sorella: non seppe nè perdonare, nè dimenticare.

Ella evitò sempre di parlare di suo padre e sarebbe morta prima di rivelare il suo segreto, che Annetta solo conosceva.

Ma ogni settimana, Maria non mancava mai di recarsi a pregare sulla tomba di Adriana, dove veniva sempre raggiunta da Gabriele...

L’una serbava sacro il culto dei ricordi, l’altro quello dell’amore!

fine.