Pagina:Invernizio - La trovatella di Milano, Barbini, Milano, 1889.djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34

E con tronchi accenti, raccontò quanto le era successo l’ultima notte di carnevale.

Annetta aggrottava le ciglia.

— Perchè non mi svegliasti?

— Non volevo disturbarti.

— Ed intanto ti sei messa nel rischio di vederti usare qualche violenza. Quel giovinotto poteva essere un birbante inseguito dalle guardie.

— Oh! mamma, se tu avessi veduto che fisonomia gentile...

— L’apparenza spesse volte inganna: intanto, lo vedi, non ha rimandati i tuoi abiti.

— I suoi valgono molto più.

Li svolse per mostrarglieli e nel far ciò un oggetto cadde con lieve rumore in terra. Annetta si affrettò a raccoglierlo. Era un portasigari di velluto, con sopravi ricamate in oro le iniziali D. e T.

Mentre stavano ammirandolo, entrò in negozio una specie di facchino, portando un grosso involto.

— Sta qui la signorina Maria? — chiese.

Annetta si avanzò.

— È mia figlia, che volete da lei?

— Consegnarle questa roba.

— So cos’è, posatela sul banco ed aspettate ho da rendervene dell’altra.

— Non ho avuto ordini in proposito — disse il facchino volgendole le spalle — a rivederci.

Annetta lo richiamò, ma invano. Allora si rivolse alla figlia, che rimaneva confusa, turbata.

— Guarda se sono i tuoi abiti.

Maria svolse il fagotto e gettò un lieve grido