Pagina:Invernizio - La trovatella di Milano, Barbini, Milano, 1889.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36


fanciulla, ogni qualvolta questa usciva alla mattina per alcune compere o per delle commissioni di clienti, l’avrebbe spesso veduta entrare furtiva in una modesta casa presso il Mercato delle erbe, salire all’ultimo piano dove il marchese Diego Tiani, sotto il nome del suo rivale Gabriele Terzi, stava ad attenderla.

La prima volta che Maria l’aveva incontrato, uscendo sola, credette venir meno dalla gioia; tuttavia quando egli le si accostò, apparve fredda, quasi indifferente. Ma presto il ghiaccio si ruppe: il giovane le aveva parlato dapprima timido, commosso, poi si abbandonò al linguaggio artificioso, fiorito, seducente di tutti i libertini che hanno designata una vittima, affascinando Maria, facendole battere il cuore a colpi precipitosi.

Coi più vivi colori, Diego le dipinse l’amore che l’aveva infiammato per lei, la gioia che avrebbe provato sentendosi corrisposto, l’avvenire pieno d’inebrianti speranze, di continua felicità che li attendeva.

E l’incauta cadde nel laccio.

Ella si recò agli appuntamenti nella casa designatele, in un quartierino ammobigliato, che Diego aveva preso in affitto per lei, dicendole essere costretto ad agire così, fino a quando avrebbe ottenuto da suo padre il consenso al suo matrimonio.

Maria non aveva alcun sospetto dell’inganno di cui stava per essere vittima. Credeva realmente che quel bellissimo giovane, il quale le giurava con tanto calore di farla sua moglie, si chiamasse