Pagina:Isabella Gabardi-Brocchi Considerazioni sui diritti delle donne.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16 emancipazione

delle liste elettorali, dai gabinetti scientifici nè dalle università, dobbiamo aspettarci il modo di emergere nel mondo sociale, per pareggiarci all’uomo.

Le donna può forse a tutte le ore uscire dalla sua casa, aggirarsi per le vie, mescolarsi alle folle, vedere, intendere, confrontare, valutare, giudicare il movimento del pensiero e dell’azione popolare, non che quella delle sfere superiori? Per condizione fisica ella non è arbitra delle sue forze, della sua libertà di azione, certa della propria salute! Molteplici impedimenti le tolgono la sicurezza dell’oggi o del domani, E lo stato di gestazione?... ed il parto?... e l’allattamento?.. e l’infanzia del figliuoletti che richiede tanta cure incessanti e previdenti?...

Con tali interruzioni e lacune, come può la donna pretendere di assimilarsi all’uomo nell’esercizio dei diritti sociali, i quali per essere esercitati, vogliono studio, continuità, fatica, intensità di attenzione ed osservazione profonda, maturità di ragione e conoscenza assoluta delle sociali contingenze, esigenze, condizioni e combinazioni?

E se la donna odierna sente, comprende di non potere intrudersi, imporsi soverchiamente, arditamente nel movimento sociale ordinato a governo, e neppure nello sviluppo o congegno scientifico, legislativo, nazionale, a cosa mira? cosa chiede infatuata e smaniosa? Perchè urla con arroganza «Eman-