Pagina:Isabella Gabardi-Brocchi Considerazioni sui diritti delle donne.djvu/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

al lettore 9

un lancio più spiccato, si capisce dove ciò possa arrivare... Chi sostiene l’opportunità per la Donna dell’insegnamento superiore, fino all’Università, non pensa, che tale idea è scala ad un vertice, su cui giunta la fragile compagna dell’Uomo, può precipitare, per legge di attrazione vertiginosa, nell’abisso.

Sembra dunque ben fatto mettere in guardia le colte e gentili zelatrici dell’Aule Universitarie contra questo avviamento, che pur troppo potrebbe condurre ad opera demolitrice dell’ordine temperato in famiglia, e dell’armonia regolare, che la natura e la società, da tanto lungo consentimento ed esperienza di secoli, hanno mantenuto fra i due sessi dotati di coscenza e ragione.

Col cortese permesso dunque dell’egregia Autrice facciamo pubblica per la seconda volta la di lei convinzione rapporto ai diritti, che la Donna può volere e che l’uomo non le contende.


Gli Editori.