Pagina:Isernia - Istoria di Benevento I.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 104 —

urne sepolcrali, e i lavori intagliati, e adoperati ai varii usi delle case private, oltre al numero immenso di marmi parii, che nel cavare le fondamenta dei nuovi edificii furono dissepolti. E gran parte di questi marmi vennero logorati e distrutti dagli antichi nel riedificare la città, come narra a lungo il Nicastro nelle sue inedite scritture sulla città di Benevento.

I primi a dare il guasto ai marmi furono i fornaciari, che, per l’inopia di pietre di calcina, lanciarono nelle fornaci quanto cadde in lor mano; ma i principali distruttori dei nostri marmi è a ritenere che fossero stato gli stuccatori. Questi per imbiancare i loro lavori, usavano polvere di marmo, e avvaleansi delle scaglie dei marmi, e ove queste mancavano, davano di mano agli stessi marmi. Laonde gli stucchi delle chiese di Benevento e di tutta la vasta diocesi beneventana, anzi di tutta la provincia, che per lo più sono stati lavorati dagli stessi artefici di Benevento, furono eseguiti con la vandalica dissipazione del marmo pario di Benevento. E a questo proposito non dobbiamo tacere che nel regno di Napoli chiunque avea bisogno di pietra pellegrina nei tempi andati ricorreva ai muratori di Benevento per esserne provveduto, e se qui non gli era dato di trovarla, credea inutile di assumere altre indagini altrove. E non solo di preziosi marmi Benevento abbondava, ma puranche di splendidi lavori: la qual cosa denotava che tutti gli illustri artefici di quei tempi gareggiarono a renderla adorna più che altre città d’Italia.

E ciò infatti è attestato dalle reliquie di tali e tante egregie opere d’arte che ritraggono ogni sorta di storie; cosicchè a interpetrarle richiedesi somma perizia negli usi e costumi antichi e rara erudizione. Laonde dagli avanzi di tante moli variabilissime pei lavori di fogliami, d’intagli, di festoni o di basso o di tutto rilievo, nonchè dalle statue risulta la colossale grandezza della colonia beneventana.

E ora dopo questi cenni generali sull’antica opulenza di Benevento, parmi opportuno discorrere brevemente dei