Pagina:Ispirazioni di Ida Baccini.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

– 10 –


IO T’AMO


Sonetto

A......


Perchè l’imago sua sempre rimiro
     Con occhio mestamente innamorato?
     Perchè indiviso a fervido sospiro
     4Mormoro di quell’uomo il nomo amato?

Son desta all’esistenza, oppur deliro
     Nell’ebbrezza d’un sogno appassionato?
     Vivo nel fango ancora, o forse spiro
     8L’aura d’un paradiso immortalato?

S’io pur son viva, quando sia che scritto
     Veda sovra ogni fronda ed ogni ramo,
     11Che l’adorarlo non sarà delitto?

Oh morte! allor, deh giungi ansiosa bramo
     L’immutabile tuo severo editto,
     14Se in quell’istante potrò dirgli: io t’amo!