Pagina:Istorie dello Stato di Urbino.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Libro Secondo. 137

ABEIENÆ. G. F
BALBINÆ. FLAMINICÆ
PISAURI. ET. ARIMINI
PATRONÆ. MUNICIPI
PITINATIUM. PISAURENSIUM.
HUIC. ANNO. QUINQUENNAL.
PITINA. PRI. MARITI. EIUS.
PLES. URBANA. PISAURENSIUM
OB MERITA.
EORUM.

CUI.


IMP.
IUS.COMMUNE.LIBERORUM.

CONCESSIT.

L.D.D.D.



Si conservò Petino in ogni tempo alli Romani, finche in Italia prevalse la lor potenza, fedele: mà poi de’ Goti alzandosi nella medesima l’Imperio, questa Città volendo à quelli opporsi, fù da loro arsa, e destrutta; come dalle reliquie sue se n’hà la fede, che incenerite molte se ne vedono. Gli habitanti, che dal conflitto scamparono, dopò la partita de i Barbari insieme riunitisi, alle pendici d’un Monte, al Per

sena