Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.1.djvu/166

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 illustri italiani


✠ 14° Epigramma in Tironem. Mentovato da Plinio, Ep. VII, 4. I frammenti poetici di Cicerone furono accuratamente pubblicati nell’edizione di tutte le opere fatta da Nobbe a Lipsia, 1827, 1 volume in-4, e con miglioramenti da Orelli (vol. IV, p. ii, 1828).


V. — Opere storiche e miscellanee.

✠ 1° "De meis consiliis, oppure Meorum consiliorum expositio. È, secondo Asconio e sant’Agostino, una giustificazione della propria politica, quando temeva non esser eletto console a cagione degli intrighi di Crasso e Cesare. Sopravanzano poche sentenze.

✠ 2° De Consulatu. La sola opera veramente storica di Cicerone era un commentario sul suo consolato in lingua greca: non ce ne pervenne tampoco una parola.

✠ 3° De Laude Cæsaris. È citato in una lettera di Attico, IV, 5.

•••M. Cato, seu Laus M. Catonis. Panegirico di Catone dopo la sua morte: Cesare vi rispose l’Anticato.

✠ 5° Laus Porciæ. Panegirico di Porzia, sorella di Catone e moglie di Lucio Domizio Enobardo.

•••Œconomia, ex Xenophonte. Probabilmente parafrasi del trattato di Senofonte, adattato ai bisogni e alle usanze dei Romani.

✠ 7° Corographia. Altri la crede Conographia.

✠ 8° Admiranda. Specie di registro di fatti curiosi, citato da Plinio, Nat. Hist. XXXI, 8, 28.

È dubbio che sieno state scritte da Cicerone le opere che alcuno cita sotto i titoli seguenti:

1. De ortographia. 2. De re militari. 3. Synonyma. 4. De numerosa oratione ad Tyronem. 5. Orphaeus, seu adolescente studioso. 6. De memoria.