Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.1.djvu/238

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 illustri italiani

alla sua dignità». Peggio operò allorchè ottenne la Sicilia col titola regio. Questo regno, per antichissimo canone, rilevava dalla suprema signoria del papa; onde, avendo il duca ricusato di riconoscerla, il papa ordinò a’ vescovi di colà di non riconoscer lui come re, donde urti e persecuzioni, e molti uscirono dall’isola.

Risoluto di vendicarsene, Vittorio Amedeo cominciò a sopprimere l’Inquisizione, avocando ai tribunali le cause a quella devolute; colpì di tasse i beni e le persone ecclesiastiche; puniva atrocemente chi tenesse conto dell’interdetto; mandò truppe protestanti su terre del papa, mentre fra’ sudditi di questo facea reclute. Clemente XI minacciò più volte scomunicarlo, e sempre sospese; solo ordinò che in tutte le chiese di Roma si esponesse il Venerabile, onde supplicare Iddio a toccar il cuore del duca. Ne seguì, come al solito, un miserabile strazio delle coscienze, massime nella Sicilia; il senato di Nizza obbligò i popolani di Roccasterone a riconoscere un parroco, benchè scomunicato e rimosso dal nunzio: a ribattere le pretensioni romane aguzzavansi legulej piemontesi, il Pensabene, il D’Aguirre, il Degubernatis: Vittorio Amedeo fece raccogliere materiali da Girolamo Settimo e Giambattista Caruso, e li mandò ad Elia Du Pin, che ne formò la Dèfense de la monarchie de Sicile contre les entreprises de la Cour de Rome (Amsterdam, 1716).

Non lasciarono sfuggire quest’occasione i Protestanti e gli spiriti forti, per veder di guadagnare il duca. Alberto Radicati, conte di Passerano e di Cocconato da Casale, fu de’ più ferventi oppositori alle pretensioni curiali; negava ogni supremazia del papa sui vescovi; la gerarchia ecclesiastica esser una corruzione della dottrina evangelica, donde passava a voltare in burla i dogmi e i misteri.

L’Inquisizione lo cita tre volte; ed egli non risponde; in contumacia è condannato ad esser bruciato vivo, ed egli trionfa in Torino: ma ecco un bel giorno gli è intimato che Vittorio Amedeo lo chiama. Egli va alla Corte con esitanza, e si sgomenta davvero quando nell’anticamera scorge il padre inquisitore e il procuratore fiscale. Pure Vittorio l’accolse graziosamente; l’avvertì che potenti nemici teneano l’occhio sopra di esso, e l’accusavano d’ateismo: avesse la cautela di parlare più temperato; del resto egli eragli riconoscente dello zelo che mostrava per gl’interessi della Corona.

— Se il re mi approva, non curo la disapprovazione di chic-