Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.1.djvu/332

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
310 illustri italiani

Francia il Belgio, all’Austria il Veneto, riconoscendo le repubbliche Batava, Elvetica, Cisalpina, Ligure1.

Con ciò riprislinavasi il diritto pubblico antico, che la rivoluzione aveva sovverso e rinnegato, e Buonaparte, lodato per aver abbandonato il posto sommo della repubblica onde mettersi a capo dell’esercito, fu lodato ancora come genio dell’ordine e del buonsenso, quando, appena ebbe vinto, tornò in Francia a ravvivar lo spirito repubblicano, premiare, ristabilire la sicurezza e l’istruzione pubblica, consolidare l’amministrazione.

Un tentativo di ucciderlo mediante una macchina infernale (24 dicembre 1800) ne cresce la popolarità, e gli dà ragione di deportar i repubblicani, e di camminare più franco alla dittatura; abolisce il tribunato, ultimo rifugio della resistenza; ispira il Consiglio di Stato, nel quale si discute il Codice dove consolidaronsi i frutti della rivoluzione, e che ne renderà immortale il nome, più che le sue vittorie.

Ma se il disaccordo fra i lumi, la giustizia, la società, aveano prodotto la rivoluzione, bisognava rintegrarne l’armonia, non già spezzando ogni legame col passato, come si fa col sacrificare tutti i diritti ad un fine politico, bensì profittando de’ precedenti, e dei robusti mezzi che l’eccezionalità de’ tempi offriva. Il Codice doveva fondarsi sui nuovi dogmi di libertà, eguaglianza, fraternità; acconcio alla proclamata filantropia, all’ampliamento dell’industria e del commercio, dovea riassumere chiaro e preciso i costosi acquisti della rivoluzione, emancipare il Governo dalle restrizioni feudali ed ecclesiastiche. Nelle memorabili discussioni che precedettero, Buonaparte, che sapea ben poco di scienza giuridica, spesso correggeva col buon senso i deliramenti della riazione o gli scrupoli della pedanteria; secondava le passioni democratiche nel diritto civile purchè non turbassero la direzione dello Stato, e così arrivossi a tre punti fondamentali: secolarizzare l’ordine politico e civile; pareggiare tutti i cittadini in faccia alla legge, e tutti

  1. M. Lanfrey, che giudica con insolita severità Napoleone, trova che la campagna d’Italia, come strategia pura, fu concepita stupendamente, ma eseguita da rampicollo; inoltre compromise interessi d’ordine più elevato, giacchè Moreau, che avea combinato l’accordo di tutte le operazioni della guerra d’allora, avrebbe, potuto entrare in Vienna e dettarvi una pace assai più vantaggiosa, se il primo console non l’avesse obbligato a stare immobile per lasciar campo alle sue operazioni in Italia.