Pagina:Jeans - L'Universo Misterioso, 1932.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
64 il nuovo mondo della fisica moderna


esperimenti di Laue, Bragg e altri, una radiazione esattamente simile cade su un cristallo solido e si comporta in tutti gli aspetti come una successione di onde. Ed è sempre così in natura; nessun principio generale conosciamo ancora che ci dica quale comportamento sarà scelto in un istante particolare.

È chiaro, noi possiamo mantenere la nostra credenza nell’uniformità della natura soltanto se supponiamo che particella e onda siano la stessa cosa. E questo ci porta alla seconda metà, molto più sorprendente, della nostra storia.

La prima metà, che è stata raccontata, è che la radiazione adesso ci appare come onde, e adesso come particelle; la seconda è che elettroni e fotoni, le unità fondamentali della materia, possono ancora apparire ora come particelle, ora come onde. Una dualità è stata recentemente scoperta nella natura dell’elettrone e del protone simile a quella già conosciuta nella natura della luce; questi appaiono dunque essere corpuscoli e onde nello stesso tempo.

Se la teoria corpuscolare di Newton della luce cedesse il posto alla teoria ondulatoria, diventerebbe necessario spiegare come una successione di onde possa simulare il comportamento di una pioggia di particelle, e muoversi in linea retta, eccettuato se vien riflesso o rifratto.

Se il raggio, che attraversa un foro in uno schermo, consiste di onde, sarebbe naturale attendersi che