Pagina:Kant - Considerazioni sul sentimento del sublime e del bello, Napoli, 1826.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

al bello ed al sublime. 17

tutti i tempi portato l’immaginazione a trasportarvi ombre gementi, folletti ed apparizioni di spiriti.

Il Sublime deve sempre esser grande: il Bello può pure essere picciolo. Il sublime deve esser


    di. La bramosia dei piaceri, le sfrenatezze d’una venere vulgivaga, non mi ferono ristare talune volte dal commetter delitti i più atroci, e opprimere sovente i miei simili che la Provvidenza solo mi avvicinò per beneficare, e ajutarli nelle miserie loro. Rifugge sopra tutto il mio pensiero dal confessare che spesso per malaugurata gelosia con veleni compensai l’amore di cui furommi larghi gli oggetti che più careggiai nella mia vita. — I miei godimenti eran pervenuti al fastidio, e dopo che godevami l’animo per vedermi satisfatto in ogni minimo desio, gustate le delizie che seppero apprestare al mio cuore appassito quei tristi che per guadagnare la vita mi circondarono sempre, lasso una sera pel gustare d’ogni più squisito godimento, mi addormentai — Ebbi questa visione — Mi parve di ravvisare che una forza invisibile mi trascinasse involontario al cospetto di Colui che regge i mondi e l’intero universo — Mi trovai innanzi al suo trono di nuvole candidissime e folte e aggruppate in un modo meraviglioso e stragrande. — Era quest’essere immenso splenditissimo globo cui non poteva sostenere la mia vista, aggirantesi velocissimamente sopra se stessoxx 1. — Vi

    1. Un punto vidi che raggiava lume
        Acuto sì, che ’l viso ch’egli affoca
        Chiuder convensi per lo forte acume
        ...................................
      Distante intorno al punto un cerchio d’igne
        Si girava si ratto, ch’avria vinto
        Quel moto, che più tosto il mondo cigne:
      E quest’era d’un altro circoncinto
        E quel dal terzo, e ’l terzo poi dal quarto;
        Dal quinto ’l quarto, e poi dal sesto il quinto
      Sovra seguiva il settimo si sparto
        Già di larghezza, che ’l messo di Juno
        Intero a contenerlo sarebbe arto: