Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
120

gruppi di isole, le quali tutte unite appena si estendono ai 2½ milioni di miglia quadrate; questi quasi si perdono nell’immensità dell’arcipelago. Se la terra asciutta fosse continente, non vi sarebbe un mare, ma mari di diverse grandezze rinchiusi nella terra ferma.

Pare che la grande massa sproporzionata dell’acqua fosse necessaria, parte per mantenere le sorgenti ed i fiumi, parte per purificare l’aria per mezzo d’un eterno processo chimico. Incessantemente s’innalzano dal mare le particelle acquose in qualità di vapori, nel tempo stesso ch’egli assorbe i vapori mefitici dell’aria, inservibili alla respirazione. In tal guisa questi elementi hanno fra di loro un eterno rapporto; essi cominciano la gran circolazione perpetua della natura, e sviluppano o generano la prima materia organica, la quale è pure necessaria al mantenimento del più infimo muscolo. Il mare non è solamente il legame che unisce i paesi che da esso paiono divisi, ma benanche lega l’intera natura, fin dove le conosciamo, ed è il primo semplice organo della sua attività vitale.

Nel modo col quale dividiamo la terra