Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
152


sente forse più non s’indovinano. Il mar bianco presso Archangel, a cagione della neve sciolta, potrebbe forse avere un colore più bianco, e meno verdiccio, almeno pel riflesso dei campi di ghiaccio e per le montagne di neve. Sul colore del mar rosso ha fatto degli sperimenti Don Giorgio Juan, le di cui ricerche forse sono state I troppo superiori all’importanza dell’oggetto, ed ha trovato , che nè le' coste nè le montagne di questo mare nè l’arena siano particolarmente rosse; e che il mare, per mezzo di maggior o minor trasparenza , dà ora un riflesso rosso, ora un verde, ed in altri luoghi uno bianco. Da Suaquem fino a Kosseir, dice egli, per uno spazio di 136 leghe francesi, è il fondo sì coperto di coralli e da madrepore, che si crede di vedere boschi intieri: alcuni sono bianchi, altri d’un rosso carico, altri poi coperti d’una specie di gomma verde e viscosa. In maggior quantità sono i coralli rossi, e forse per tale ragione, essendo questo colore il più spiccante fra tutti, si è quel mare chiamato piuttosto mar rosso, che mar verde o bianco: forse ha preso anco il detto nome dagli antichi abitanti della costa, il di cui vestiario pro-