Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

153


babimente sarà stato rosso. Così è sicuro che il mar nero non trae il suo nome dall’argilla nera, della quale dicesi essere coperto il fondo; poichè, come osserva Tournefort, l’arena del mar nero punto non differisce da quella del mar bianco; nemmeno dall’aspetto tetro che forse le selve potrebbero dargli, essendo troppo estese perchè le montagne ed i boschi possano influirvi; meno ancora per un colore d’acque, ma unicamente dal vestiario degli abitanti circonvicini, i quali per lo passato occuparono in maggior parte le coste, ed in seguito si ritirarono più verso l’oriente. Questi si chiamano Karakalpacki, cioè, berrette negre, o Carakalmachi, Calmachi negri, o come essi stessi si chiamano Karakiptschachi, cioè pastori negri. In oggi abitano verso il nord-est del lago di Aral, per lo più in città sotto il dominio dei proprj Chalsi (Chani). La stirpe più debole, angustiata dai Kirgisi, si è sommessa all’impero della Russia.