Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
158


tese quadrate. Quivi, per mezzo di un grande canale, s’introduce l’acqua del mare, la quale poi viene svaporata dal sole. Se ne cava una sì grande quantità, che basta a provvedere non solamente lo stato papale, ma benanche potrebbe fornirne a tutta l’Italia. La Lombardia ne consuma una quantità considerabile. Volendolo purificare maggiormente, si scioglie nell’acqua, si schiuma col mezzo del sangue di bue, e si estrae nuovamente col fuoco, e così infine diventa interamente bianco. Questo sale cristallizzato è preparato in enorme quantità nel Portogallo, nella Spagna; nell’Italia e nella Francia.

Nelle regioni più settentrionali e fredde non si ricava il sale con tanta facilità e vantaggio. Quivi il sole non può favorire l’evaporazione, ed il buon tempo è meno stabile, talchè piovendo nelle saline, l’acqua salsa diventa più debole della stessa acqua marina. Dunque ne’ paesi freddi fa d’uopo menare l’evaporazione a forza di fuoco. Questo consuma tanta legna, che ai paesani della Norvegia è proibito di fare maggior bollitura di sale di quella che abbisogna per l’uso domestico di ciascheduno. Presso