Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/214

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182


un vaso, ma ponendo l’acqua all’oscuro, non vedeva punto lo splendore, finchè prima colla mano non la metteva in movimento. Egli filtrava l’acqua con un panno fino e spesso, dopo di che il panno luccicava nell’oscuro, ma non più l’acqua filtrata; lo splendore sul panno consisteva in infiniti piccoli punti luccicanti, i quali erano finissimi, grossi per la metà di un pelo dell’occhio, e di colore giallo nericcio. Per mezzo del microscopio scopriva de’ vermi i quali, simili al maggior numero delle specie delle ninfe, erano composti di anelli, sui fianchi avevano molte paja di setole invece di piedi, ed alla testa 4 antenne; essi luccicavano in tutto il corpo, e non come gli altri vermi, in una sola parte di esso; e ciò particolarmente quando stavano fermi. Nella primavera dimorano volentieri sull’alga; nell’estate si estendono sopra tutto il mare, ove per lo più si trattengono sulla superficie. Allorquando l’acqua luccica molto in tempo di notte, i pescatori aspettano la burrasca e il tempo cattivo; il maggior movimento dei vermi, poco prima della burrasca, forse si può attribuire ad un presentimento dell’in-