Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/248

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
216


più alto dell’acqua su d’ambidue gli emisferi. La luna essendosi avanzata, distaccando quasi l’acqua dal centro della terra, e procedendo a fare gradatamente la medesima operazione in un altro luogo, farà si, che l’acqua non monterà in quello stesso momento quando la luna culmina, ovvero quando passa il meridiano, ma più tardi; poichè vi vuole del tempo, acciocchè l’acqua possa montare. L’acqua posta in moto per innalzarsi continuerà a montare, finchè, necessitata dall’innalzamento maggiore di un’altra massa di acqua, principierà a calare, siccome avviene del maggior calore, il quale non si sente a mezzogiorno, quando il sole è arrivato alla maggior altezza, ma due o tre ore dopo. Il tempo però che passa fra il culminare della luna e l’arrivo del flusso non è uguale in tutti i siti; nell’alto mare della zona torrida ritarda 2 ore e 1 1/2, co- me hanno osservato gl’Inglesi sull’isola di S. Elena nel 15° di latitudine meridionale circa; al di là dei tropici, 2 ore e 1/2 come nella vicinanza del Capo di Buona Speranza. Vicino alla Francia ed alla Spagna, che hanno una latitudine maggiore, ritarda 3 ore; sulle coste questo ritardo è tanto