Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/300

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
268

vanza. La tromba marina procede a passi uguali colla nuvola, e continua ad attirare l’acqua, andando sempre innanzi; questo moto cagiona del vento. Ciò continua più o meno d’una mezz’ora circa, finchè il montar dell’acqua cessa. Allora scoppia la tromba, e la quantità di acqua innalzatasi, ossia l’intiero pezzo che pende dalla nuvola, precipita nel mare, ove per ciò fassi uno atrepito considerabile. A un vascello che si trova sotto la tromba resta poca speranza di salvarsi; quindi cerchiamo di evitarla, e di tenerci lontani da essa quanto è mai possibile“.

„Ma spesse volte siamo nella massima inquietudine, ed in pericolo non indifferente, poichè, alloraquando compariscono le trombe, regna ordinariamente la calma, eccettuato il sito proprio ove nascono. Quindi i naviganti vedendo avvicinarsela senza poterla schivare, scaricano i pezzi d’artiglieria più grossi contro di essa, per produrvi una diversa corrente di aria, e per farla scoppiare. Però non ho inteso mai, che quel mezzo abbia prodotto qualche vantaggio. Un certo capitano Records, di Londra, conducendo il vascello the Blessing di trecento tonnellate e di sedici pezzi di can-