Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/359

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

327


a ciò ha delle cose molto notabili e proprie di esso le quali meritano la nostra attenzione. In certo modo questo mare potrebbe dirsi mare mediterraneo, perchè è diviso dal resto dell’oceano da coste forti e continue, per le quali gli Inglesi, Olandesi e Russi inutilmente hanno cercato una sortita verso il nord-ovest, e il nord-est; giacchè quelle che sin’ora sono state scoperte, sono inservibili a causa de’ ghiacci; e fuori dell’unica strada di Cook, o piuttosto di Behring, l’altre sono un problema pei navigatori. Il circuito del mare settentrionale non si conosce dunque niente affatto, e le sue baie e seni, particolarmente dal I95° di longitudine orientale da Greenwich fino al 360° ovvero dal capo glaciale, ultimo punto a noi oognito al nord-ovest dell’America, fino alla Groenlandia orientale che più non si ritrova, non si lasciano punto conoscere.

Cominciando dalla parte più praticata di esso, troveremo che questo mare settentrionale, subito passato il Passo di Calais, forma un gran mare mediterraneo. Il mare germanico, ovvero mare del nord, il quale, cominciando da Jarmouth, corre lungo la costa orientale dell’Inghilterra e della Scozia