Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/77

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

45


lunghi, e sia lasciato ingiù, per altrettanto le verghe, alle quali esso è appeso, s’innalzano per la loro prolungazione, e così innalzano ed accorciano il pendolo.

Se potremmo scoprire due metalli, dei quali, nell’egual grado di calore, l’uno si estendesse al doppio dell’altro, gli astronomi facilmente arriverebbero al loro scopo. Ma l’esatto uso del pendolo per misura stabile ed invariabile a nulla può condurre, piuttosto manifesta la sua imperfezione. Non ci resta dunque altro che di cercare in cielo quella misura che in terra non si può ritrovare. Egli è però da temersi, che siccome la terra in ciò dovrebbe servire come punto fisso; cosi neppure quatto tentativo darà un risultato per sempre stabile ed invariabile.

L’onore di questo tentativo l’hanno ottenuto i Francesi. Esso consiste in misurare nella maniera più precisa ed accurata un grado, e, se è possibile, il grado medio di un quarto del circolo tirato pei poli e per lo zenit di Parigi, e di mettere per base di tutte le misure una parte assai precisa e comoda per la vista, fosse anche la diecimillesima o centomillesima.