Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

67


in alcun altro plano, ma in modo che ciascuna coll’ellisse della terra forma un angolo particolare, come sotto si vede.

Orbita di Mercurio 7° 0' 0"
di Venere 3° 23' 20"
di Marte " 1° 51' 0"
di Giunone, o Harding " 13° 3' 38"
di Pallade, o Olbers " 34° 37' 43"
di Cerere o Piazzi " 10° 37' 45"
di Giove " 1° 19' 10"
di Saturno " 3° 30' 20"
di Urano o Herschell " 0° 46' 16"

L’ellissi de’ pianeti devono tagliarsi in due luoghi coll’ellisse della terra, ciascuna sotto il nominato angolo. I punti ne’ quali si tagliano si chiamano nodi. Siccome l’ellisse della terra divide l’equatore in due punti ; così apparisce Il sole essere nell’equatore due volte nell’anno, cioè quando entra nel segno dell’ariete ed in quello della bilancia; il che avviene ai 21 di marzo ed ai 23 di settembre. Questi due punti ne’ quali si tagliano l’equatore e l’orbita della terra, chiamansi punti equinoziali, o sia punti di ugua-