Pagina:Kirchberger - Teoria della relatività, 1923.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 LA RELATIVITÀ PARTICOLARE

chiarisce la contraddizione dei fatti sperimentali che esigono imperiosamente uno studio più completo. In base a ciò che già sappiamo la contraddizione è così manifesta, i fatti che la generano così semplici, che non si può pensare a scartarla con delle mezze misure dalle quali non si può ricavar nulla. Per arrivare alla spiegazione di essa, semplice e netta, quale da noi si desidera, ci è necessario trasformare profondamente, e non senza fatica, le vecchie abitudini del pensiero. Si è potuto per anni interi contentarsi dei fatti, non considerandoli altro che in se stessi, rinunciando a dominarli con un lavoro di sintesi ed ordinarli in una teoria qualunque; questo comodo procedimento non poteva alla lunga essere la via della scienza.


III


LA SPIEGAZIONE DI LORENTZ


a) La teoria


Si sarebbe tentati di dire che la prudenza è la migliore delle prodezze quando si vede scorrere una ventina d'anni senza che una seria prova sia stata fatta per rimuovere la difficoltà. Trattati e conferenze sull’ottica si limitavano a qualche breve e vago cenno sulla propagazione della luce nei mezzi in movimento. Veniva citata appena l’esperienza del Michelson, che oggi è forse la più