Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 la città del sole.

metto, che però reputano fallace ed inonesto legislatore. Ma vidi l’immagine di Gesù Cristo essere stata collocata in un posto eminentissimo, insieme a quelle dei dodici Apostoli da essi altamente venerati, e creduti siccome superiori agli uomini. Sotto i portici esterni osservai dipinti Cesare, Alessandro, Pirro, Annibale ed altri sommi, la maggior parte cittadini romani, chiari in pace ed in guerra: ed avendo con meraviglia chiesto come essi conoscessero le nostre istorie, risposero: coltivarsi fra loro tutte le lingue, ed essere soliti inviare esploratori e ambasciatori per ogni parte della terra onde apprendano costumi, forze, governo, istorie, beni e mali di tutte le nazioni, ed essere molto desiderosi gli abitanti solari di simile istruzione. Ho saputo avere i Chinesi prima di noi scoperto la polvere da cannone e la stampa. V'ha maestri che spiegano questi dipinti, ed avvezzano i fanciulli ad imparare senza fatica, e quasi a modo di divertimento, tutte le scienze, però con metodo istorico, avanti il decimo anno.

Il terzo dei triumviri è l’Amore, ed uffizio primiero a lui spetta quanto riguarda la generazione. Principale suo scopo è dunque che l’unione amorosa accada fra individui talmente organizzati, che possano produrre un'eccellente prole, e si fanno beffe di noi, che affaticandoci pel miglioramento delle razze dei cani e dei cavalli, totalmente trasandiamo quella degli uomini. Al governo di lui è sottoposta l’educazione dei fanciulli, l’arte della farmacia, come pure la seminazione e la raccolta delle biade e dei frutti, l’agricoltura, la pastorizia, l’apparecchio delle mense e dei cibi. Infine l’Amore regola tutto quanto si riferisce al vitto, al vestito ed alla generazione, come anche i molti maestri e maestre addette a ciascuno di questi ministeri.

Questi tre trattano le anzidette cose unitamente al Metafisico, senza del quale non fassi nulla; e così la republica viene governata da quattro, ma generalmente dove propende il volere del Metafisico acconsente pure quello degli altri.