Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104 la citta' del sole.

masso di parole, avvilisce l’anima, affaticandola sopra morti segni. E siffatti sapienti ignorano come vengano dalla causa prima governati tutti gli esseri, e quali siano le regole e l’abitudini della natura e delle nazioni. Questo non accade al nostro Hoh, giacchè per apprendere tanto numero d’arti e scienze, è necessario avere sortito vastissimo ingegno al tutto idoneo; abilissimo dunque anche al politico governo. Inoltre noi sappiamo non conoscere alcuna scienza chi soltanto fu istrutto in una, ed avere ingegno tardo e spregevole quei che, atto ad unica scienza, tolse pur questa ad imprestito dai libri. Simile giudizio non può portarsi sul nostro Hoh. I tre primati poi che lo assistono, debbono essere profondi conoscitori, specialmente dell’arti che hanno immediata attinenza colla propria loro carica, e basta che solo istoricamente siano istrutti dell’arti comuni. Così la Potenza è peritissima nell’arte equestre, in quella di coordinare un esercito, di preparare gli accampamenti, o fabbricare le armi, ed in ogni faccenda militare come in stratagemmi, in macchine, ecc. Ma al conseguimento di questo scopo è mestieri che la Potenza abbia nozioni di filosofia, di storia, di politica , di fisica, ecc. Lo stesso dicasi degli altri due triumviri.

Ora, tornando a parlarti del loro metodo di vita, e dell’eccellenza dei mezzi d'istruzione, devi sapere, che in quella città le scienze vengono apprese si facilmente, che i fanciulli v’imparano in un anno solo quanto appresso noi s’acquista ordinariamente dopo dieci o quindici anni di studio. Essendo io stato chiesto d’interrogare alcuno degli allievi, non so esprimerti il mio stupore udendo risposte piene di prontezza, verità e sapienza da alcuni che parlavano correntemente la nostra lingua. Imperocché è stabilito che tre d’ogni drappello imparino il nostro idioma, altri tre l'arabo, e tre il polacco, e tre altre speciali lingue.

Prima che diventino dottori non viene giammai loro concesso alcun riposo, poichè dopo lo studio escono