Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la citta' del sole. 103

assegnata alla cognizione delle lingue, avendo essi quantità d’interpreti, nella repubblica chiamati grammatici. Ma d’assoluta necessità è il possedere nella loro interezza le scienze metafisiche e teologiche. Debbonsi quindi conoscere le radici, i fondamenti, le prove di tutte le arti e scienze, i rapporti di convenienza e di disconvenienza delle cose, la necessità, il fato, l'armonia del mondo, la potenza, la sapienza e l’amore delle cose di Dio, le gradazioni degli Enti, i loro simboli colle cose celesti, terrestri e marine, e colle ideali in Dio per quanto è concesso a mente umana. Finalmente è d’uopo avere con lunghi studj approfondate le profezie e l’astrologia. Per il che il futuro Hoh viene riconosciuto molto tempo avanti l’elezione. Esso non può occupare sì eminente dignità se non dopo il compimento del settimo lustro. La carica n’è perpetua, qualora non si scopra altro più sapiente e meglio adatto a governare la repubblica.

G. M. Ma qual uomo può possedere tanta dottrina? Anzi uno scienziato non è forse il meno idoneo al regime della cosa pubblica?

Amm. Questa obbiezione venne pure da me mossa, e per risposta ebbi: Tanto noi siamo certi potere un sapiente possedere attitudine al buon governo d’una repubblica, quanto voi, che anteponete uomini ignoranti, e stimati abili perchè discendenti da principi, od eletti dalla prepotenza d’un partito. Ma il nostro Hoh, supposto anche inespertissimo in ogni forma di governo, non diverrà giammai crudele, scellerato o tiranno, e solo perchè possiede un’immensa sapienza. Bensì questa obbiezione può avere forza appresso voi, che chiamate sapiente l’uomo che lesse in maggior numero grammatiche o logiche d’Aristotile od altri autori, e quindi volendo comporre un sapiente de’ vostri paesi si addomanda unicamente un’ostinata fatica ed un servile travaglio di memoria che abituano l'uomo all’inerzia, perchè non stimolato ad addentrarsi nelle cognizioni delle cose, e contento di possedere un am-