Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 la città del sole.

grificarsi pei suoi confratelli, e chi è più perfetto spontaneamente si offre. Allora, premesse le preci e le cerimonie, viene posto sopra una tavola quadrata alla quale mediante fibbie sono attaccate quattro funi, che discendono da quattro carrucole, infisse nel muro della piccola vôlta, e supplicato il Dio della misericordia che degni accettare quel sagrifizio umano e spontaneo, non brutale ed involontario come appresso i Gentili, Hoh comanda che le funi vengano tirate, e la vittima giunge al centro della piccola vôlta, e quivi s’abbandona al più fervente pregare. I sacerdoti che abitano all’intorno per una finestra gli somministrano il cibo, ma scarsamente, finchè sia compita la purificazione della città, e dopo trenta o quaranta giorni calmato lo sdegno di Dio con preci e con digiuni egli o si fa sacerdote, ovvero, il che rarissime volte avviene, ritorna al primo stato, ma discendendo per il cammino esterno dei sacerdoti. E in appresso questo uomo gode la stima e l’amore universale, perchè non esitò morire pel bene della patria. Iddio poi non vuole la morte di chicchessia. I sacerdoti che al numero di ventiquattro abitano l’alto del tempio cantano quattro volte al giorno salmi a Dio, cioè a mezzanotte, a mezzogiorno, al mattino e alla sera. Principale uffizio spetta ad essi studiare le stelle, i loro movimenti cogli astrolabj, e rilevarne le influenze e le attinenze colle cose umane. Conoscono quindi i mutamenti avvenuti, o che debbono accadere in una particolare regione, ad un dato tempo, e tengono conto delle predizioni sì avverate come fallite mediante esploratori inviati ai paesi indicati, onde possano dopo ripetute esperienze predire senza timore d’ingannarsi. Essi determinano l’ora della generazione, i giorni della seminagione, della vendemmia, della raccolta, e sono quasi internunzj, intercessori e legami che uniscono gli uomini a Dio, e la maggior parte degli Hoh viene presa fra loro. Scrivono inoltre i fatti degni di storia ed affaticatisi al perfezionamento di tutte le scienze. Solo pel pranzo e per la cena discendono,