Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la citta' del sole. 139

padri in quanto neglessero la generazione o la esercitarono fuori di tempo o di luogo, o non s’ebbe riguardo alla scelta ed all’educazione dei genitori, che pure malamente produssero, peggio istruirono i figli. Ogni attenzione dunque viene da essi posta alla generazione ed alla educazione, e dicono ridondare a danno della repubblica sì la colpa dei padri e sì la pena dei figli, come al presente il provano tutte le città piene di miserie e ridotte a tale degradamento che chiamano felicità gli stessi mali, non avendo giammai conosciuto il vero bene, e ciò spingerebbe a credere essere l'universo governato dal caso. Ma chi studia la costruzione dell’universo e l’anatomia dell'uomo (ch’essi sovente esercitano sopra i cadaveri dei condannati), ed i pianeti, come altresì gli animali e l’uso delle speciali loro parti, deve confessare ad alta voce la sapienza e la provvidenza di Dio. È debito dunque dell’uomo consecrarsi interamente alla religione, e continuamente umiliarsi al proprio autore, e questo non e possibile nè facile se non a chi studia e conosce le opere di lui, obbedisce alle sue leggi e mette in atto la sentenza del filosofo: Non fare agli altri quanto non vuoi a te fatto, e quanto vuoi che a te sia fatto, tu lo fa agli altri. E quindi noi che pretendiamo dai figli e dagli uomini beni ed onori in contraccambio di pochi vantaggi che loro apportiamo, dobbiamo dare a Dio tutto, perchè tutto abbiamo da lui ricevuto, siamo tutto in lui e con lui. Gloria quindi a Dio per tutti i secoli de' secoli.

G. M. In verità siccome questa gente che conosce soltanto la legge naturale, s'accosta tanto al Cristianesimo, il quale non aggiunge alle leggi della natura che i Sacramenti (conferenti forza a seguire fedelmente quelle), così io deduco un grande argomento a favore della religione cristiana, come quella ch’è l'unica vera che, tolti gli abusi, dovrà dominare tutto l'universo, come insegnano e sperano i più valenti teologi. Ed a questo proposito dicono avere gli Spagnuoli sco-