Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182 storia

renza de’ casi. Chi poi ha ricevuto lettere da’ suoi amici, chi ha parlato con la staffetta, e chi una cosa e chi l’altra; tanto che tutti sono più che arcicertissimi di quanto fanno grazia di dire. Si raccolgano poi quelle infinite opinioni, e saranno appunto infinite quando il fatto è uno solo; ed oh mirabile fondamento per trarre da tutto ciò una verità che sia storica! Questo ardisco chiamare Mondo volgare. Passiamo al Politico. Quale mezzo può far iscoprire ad occhio mortale le ragioni economiche, per le quali si muovono le corti, i gabinetti, i grandi della terra a stabilire piuttosto un patto di guerra che di pace, piuttosto un negoziato che un altro? In oltre, chi oserà penetrare nel cuore di coloro ch’entrano nel maneggio degl’interessi dei re e degl’imperatori con fini propri e particolari? Di maniera che spesso a tutt’altro fine riesce un affare ed altre conseguenze ha da quelle in fuori che un parlamento od un principe si sono immaginati di ottenere? Di più: che sappiamo noi quanta influenza possano avere l’orgoglio, l’invidia, la malignità e le altre infinite passioni del cuore umano sugli affari di grande importanza? Questi son tutti fili, dirò così, occulti all’occhio dello storico; e ve ne sono degli altri ancora. E qua passiamo alla Morale, per la quale molte cose dirette al bene hanno un esito sfortunato senza saperne il perchè. Le imprese e le azioni rilevanti non possono essere eseguite da un solo, mentre occorrono la buona fede, il capo e le mani di molti uomini. Chi può assicurare lo scrittore di storia che tutti abbiano fatto il loro dovere con rettitudine, con onestà, con buona intenzione, senza che niuno abbia da rimproverarsi in coscienza d’un qualche erroruzzo? Il desiderio del guadagno è grande sul globo terracqueo, e l’oro è una gran tentazione per gl’infelici mortali che hanno tanti onorati e disonorati desiderj sotto al pericardio. E quando s’ha a dire la verità, chi può giurare che le belle e graziose donne non abbiano in ogni tempo contribuito nelle ore notturne a fare che il giorno manchino gli uomini al proprio dovere? Se io amassi dav-