Pagina:L'Utopia e La città del Sole.djvu/211

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

del reame degli orsi. 187

sarono due settimane che, eretto un altissimo tempio, il dedicarono ad una potentissima Dea, ch’essi appellavano Necessita’. E poi a poco a poco ebbero un re, che non era infine che l’economo delle volontà e forze comuni, ch’egli andava equilibrando a seconda del bisogno di tutti in generale e di ognuno in particolare. Videsi ben presto un’orribile e diserta campagna farsi tutta coltivata, e da essa trarre quel felice popolo quanto può essere necessario alla vita. Tutto era bene e consolazione, ed il nome di legge non conosceasi poichè niuno avea che desiderare d’ingiusto. Ma ben presto piombarono quei miserabili in un mare di calamità insoffribili. Alcuni de’ più vivaci incominciarono a combinar nuove idee, ed a ragionare: E perchè, diceano, lavoreremo la terra, se avendo alcuni popoli nostri vicini, possiamo colla forza ridurli in ischiavitù, e far ch’essi affatichino per noi, ed insieme acquistando le terre loro ampliare il dominio vostro? Così va bene. E qua si videro trattati sparsi per la nazione intorno alla giustizia della guerra offensiva che infiammarono gli animi di tutti; e già si diede all’armi. L’esito fu fortunato, e ne venne che fattisi ricchi e potenti alcuni pochi, rimasero poi le migliaia d’Orsi oppressi e desolati. Allora entrò nel paese l’adulazione, il ruffianesimo, e l’insidia per tentar di spogliare i magnati de’ loro male acquistati averi; l’avarizia si vestì da amore, la ingordigia si coprì col manto dell’amicizia, e tutte queste maschere unite furono cagione di tradimenti, discordie e liti gravissime. Quando tutto era a soqquadro, i buoni e zelanti cittadini si ricordarono della Dea Necessita’, ed ebbero ricorso ad essa perchè mettesse un qualche riparo alle comuni sventure. Ma ricorrendo alla Dea scoprirono un altro disordine. Videro che i sacerdoti di essa aveano da lungo tempo imparato a farsi grassi a spese del popolo: vendeano il chiaro del sole e l’umido della pioggia, l’odore del marocchino per iscacciare le tarme da’ panni, li cerotti per le rotture di gamba, le polveri pel buon esito de’ parti, e le ma-