Pagina:L'edera (dramma).djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Paulu.

Anche voi, dunque, Don Virdis, avete un’opinione così oltraggiosa di me?

Prete Virdis.

Io?... Io ho l’opinione che nè tu, nè Annesa, dovevate fuggire!

pausa.

Meno male che sei ricomparso... e in buon punto... proprio oggi che ricomparirà anche Annesa.

Don Simone.

Sapevate, dunque, dove si nascondeva?

Prete Virdis.

Ecco qua!

sempre sbuffando.

Ieri, incontrai il pastore Castigu, che s’interessa tanto di questa faccenda, per l’amore che porta ai suoi antichi padroni... Castigu mi confidò che Annesa si era rifugiata presso di lui, e che egli l’aveva nascosta nelle caverne quasi inaccessibili della montagna, di cui conosce bene il labirinto, e che gli procacciarono il titolo di «Re delle Grotte»... Io lo pregai d’indurla a tornare per il bene dei suoi benefattori, ed egli s’impegnò di condurla oggi stesso... Capirete che il suo ritorno... e quello provviden-


— 128 —