Pagina:L'edera (dramma).djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Lo sai... lo leggo nei tuoi occhi!... Ci hai pensato troppo tardi al tuo dovere... ma è meglio... perchè quello che accade sarebbe accaduto lo stesso... e tu m’avresti maledetta!

Paulu

con orrore.

Ah!... Dunque, è vero?

Annesa

volgendosi istintivamente verso il sottoscala, come allucinata.


Sì! sì!... Io... io... l’ho soffocato... per derubarlo!... Il destino mi ha trascinata... Volevo salvarvi tutti!... Non seppi resistere alla tentazione...

vedendo che Paulu si allontana da lei spaventato, torna alla realtà.


Ero come pazza!... Ho subito capito tutta l’enormità della mia colpa... Dopo, ho fatto un voto: ho giurato che, se voi non foste ingiustamente puniti... e non punita io pure... mi sarei castigata da me... abbandonandoti... per non peccare più!... Sono contenta che questo voto castighi me sola... perchè tu non mi ami più... perchè non sei più quello di prima!

Paulu

turbatissimo, senza convinzione

Non è vero!... Non è vero!


— 166 —