Pagina:L'edera (dramma).djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

no?!... Orsù, tira la tenda, che io non veda più nessuno!... Non posso riposare nè di giorno, nè di notte!

Annesa.

Ora, vi darò la medicina... e dormirete tranquillo.

versa una pozione di una boccetta, e l’offre da bere al Vecchio.


Zio Zua

tossendo e facendo le boccacce. Non la voglio!... È succo d’euforbia... amaro come l’anima tua!

Annesa.

Bevete, uomo di Dio!... Altrimenti, vi tornerà l’accesso!

Zio Zua.

Magari, non è vero?... Così creperei più presto!

Annesa

impazientita.

Maledetto il peccato!

contenendosi.

Non fatemi perdere il tempo così!

Zio Zua.

Ti preme di farmela bere, perchè è velenosa..


— 37 —