Pagina:L'edera (dramma).djvu/47

Da Wikisource.

no?!... Orsù, tira la tenda, che io non veda più nessuno!... Non posso riposare nè di giorno, nè di notte!

Annesa.

Ora, vi darò la medicina... e dormirete tranquillo.

versa una pozione di una boccetta, e l’offre da bere al Vecchio.


Zio Zua

tossendo e facendo le boccacce. Non la voglio!... È succo d’euforbia... amaro come l’anima tua!

Annesa.

Bevete, uomo di Dio!... Altrimenti, vi tornerà l’accesso!

Zio Zua.

Magari, non è vero?... Così creperei più presto!

Annesa

impazientita.

Maledetto il peccato!

contenendosi.

Non fatemi perdere il tempo così!

Zio Zua.

Ti preme di farmela bere, perchè è velenosa..


— 37 —