Pagina:L'edera (dramma).djvu/73

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Gantine.

Lo so... e anch’io ci patisco... Il cuore mi si strìnge forte, forte...

Donna Rachele

confortandolo.

Pazienza!... Il Signore penserà a noi!

si fa il segno della croce.

Gantine

imitandola.

Sì!... È anche quello che dico sempre ad Anna... ma lei, in vece, si dispera... e pare che se la prenda con me!

ingenuo.

Che colpa ne ho io?

Donna Rachele.

Nessuna, giglio mio d’oro!... Lasciamo passar la burrasca... Il sole tornerà.

Annesa

cupa.

Dio lo voglia!

Donna Rachele.

Va dunque, figliuolo!... Va!... va!

ad Annesa.

Lasciatevi in pace, come il Signore comanda.


— 63 —