Pagina:L'edera (dramma).djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

SCENA SETTIMA.

Zio Zua; Annesa.


da questo momento, i tuoni e i lampi si succedono rapidamente: poi si ode scrosciar la pioggia. — Annesa rientra e si prepara il letto sul canapè, come nel primo atto. - Un colpo di vento spalanca la finestra e spegne la lucerna. - Bujo.


Zio Zua

con voce lamentosa.

Annesa!... Riaccendi il lume...

Annesa volge nell’oscurità un gesto d’imprecazione verso il Vecchio.


e chiudi la finestra... Il bujo e il temporale mi fanno spavento... Non potrei dormire.

Annesa

va a chiudere la finestra: poi, accende il lumino da notte e lo posa sulla tavola.


Adesso, dormirete una buona volta!... Sarebbe ora!


— 83 —