Pagina:La Cicceide legittima.djvu/136

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

129


L’Autor si professa, e protesta obbligato d’amar D. Ciccio.

ccliv.

CH’io t’ami, e riverisca, è tanto vero
     D. Ciccio, quanto è ver, ch’egli è lucente
     Il Sol, bianca la neve, il carbon nero,
     4Immobile la Terra, il foco ardente;
E s’alcun sussurron poco sincero
     Ti supponesse mai diversamente,
     Come a Nemico capital del vero,
     8Digli da parte mia che se ne mente.
Ch’io ben conosco, e’l so d’esser tenuto
     Più ch’ad ogni altro, a te, come secondo
     11Autor del ben, ch’or godo, e c’ho goduto;
Il sò, te lo protesto, e men confondo;
     Però che senza l’opra e l’ajuto
     14De’ pari tuoi non sarei nato al Mondo.


D. Ciccio il giorno va a spasso, e la sera studia.
Al Sig. Lodovico Areni.

cclv.

D. Ciccio ha per istinto naturale
     Levarsi pria, che l’Alba il mondo allume,
     Ma subito, che sorto è da le piume,
     4Suol darsi a qualche spasso geniale.
Così, nulla pensando al Tribunale
     Di passar le giornate ha per costume;
     Con tutto ciò la sera poi col lume
     8S’applica tutto a l’opera legale.
Ma se le sue men serie occupazioni
     Ei non vuol, che gli vengano interrotte
     11Il dì da faticose applicazioni,
Breni, ben sai, che sogliono i C....
     Starsene il giorno in ozio, e poi la notte
     14Travagliar ne le proprie operazioni.



La